• w-facebook

© 2017 by MARMIBLEVE, lavorazione e vendita pietre marmi e graniti

MARMI

 

Il marmo è una roccia metamorfica composta prevalentemente da carbonato di calcio (CaCO3).

Il vocabolo marmo deriva dal greco antico μάρμαρον (mármaron)[1] o μάρμαρος (mármaros), con il significato di "pietra splendente".

Il marmo per effetto del metamorfismo dinamico o di contatto assume una struttura cristallina a grana uniforme, capace di acquistare, con la lavorazione, un'ottima levigatura e lucidatura.Il colore del marmo dipende dalla presenza di impurità minerali (argilla, limo, sabbia, ossidi di ferro, noduli di selce), esistenti in granuli o in strati all'interno della roccia sedimentaria originaria. Nel corso del processo metamorfico tali impurità vengono spostate e ricristallizzate a causa della pressione e del calore. I marmi bianchi sono esito della metamorfizzazione di rocce calcaree prive di impurità.

GRANITI

 

Il granito è una roccia eruttiva intrusiva molto acida a struttura granulare, con grana normalmente media e fine e occasionalmente può presentare dei mega cristalli. Il suo nome deriva dal latino granum (a grani), con chiaro riferimento alla sua struttura olocristallina. Il granito è classificato come una roccia sovrassatura, ossia con contenuti di quarzo compresi tra il 20% e il 60%. Come roccia ignea intrusiva, si è quindi formato a seguito del lento raffreddamento di un magma che si è intruso a profondità comprese tra 1,5 e 50 km. Il granito è dotato di una elevata durezza (6-7 della scala Mohs) ed è molto compatto e difficilmente lavorabile, in contrapposizione al marmo, tenero e facilie da lavorare. Ha ottime caratteristiche meccaniche ed è molto resistentie all'usura e all'esposizione esterna.

COMPOSTI AL QUARZO

 

Sono materiali composti da un'altissima percentuale di quarzo naturale.

I composti si ottengono dalla vibrocompressione sottovuoto di quarzi frantumati o marmi miscelati con il 7 - 8% circa di resina strutturale poliestere. 

A questo impasto vengono incorporati coloranti organici, inorganici ed elementi personalizzanti di varia natura come vetri, specchi, madreperla, silicio metallico che caratterizzano esteticamente le linee prodotte.

Le loro caratteristiche li rendono adatti a qualsiasi utilizzo. Il loro massimo impiego avviene nell'industria delle cucine.

PIETRA

 

La pietra naturale è una pietra di origine arenaria non lucidabile. Si tratta di una roccia sedimentaria composta da granuli che hanno la dimensione della sabbia. Questi granuli, di diversa origine, vanno a depositarsi insieme grazie al vento o all’acqua. La composizione della pietra dipende dalla resistenza all’abrasione e all’alterazione chimica dei diversi granuli. In via generale la pietra naturale presenta notevoli quantitativi di quarzo, minerale che, grazie alla sua resistenza, è uno dei costituenti più comuni di queste rocce. I granuli sono tra loro legati da un cemento, originato dalla precipitazione chimica di minerali formati da ioni presenti nelle acque circolanti fra i pori interstiziali, comunemente come cemento si rinviene il carbonato di calcio sia sotto forma di calcite che di aragonite, meno abbondantemente la silice o talvolta un ossido di ferro.

I materiali